Vuoi chiederci qualcosa?

info@arthecity.com

Vuoi far entrare il tuo comune?

join@arthecity.com

Torino aderisce alla Federazione nazionale Arte in Strada, con il progetto Arthecity

Dove sei: Homepage > Torino aderisce alla Federazione nazionale Arte in Strada, con il progetto Arthecity

ARTISTI DI STRADA, VERSO UNA CITTA’ APERTA ALL’ARTE, AL DIALOGO E AL CONFRONTO

29-06-2018 | redazione

La Federazione metterà a disposizione del Comune la piattaforma Arthecitysviluppata per FNAS da Plastic Jumper srls - per la gestione degli spazi, frutto di un percorso di lavoro della Città di Torino, in comunione con la Fnas e alcuni artisti.

L’attività artistica di strada ha ora un nuovo modello di sviluppo, che favorisce una migliore organizzazione dell’offerta di spazi negli assi centrali a vantaggio degli artisti e, nel contempo, andando incontro alle esigenze dei residenti.

È stata definita una mappa delle “piazze” e sono stati individuati gli orari in cui gli artisti che si esibiscono con amplificazione e/o percussioni potranno proporsi, in spazi gratuitamente utilizzabili in tempo reale attraverso la piattaforma web e l’app Arthecity (Fedro App).
Contemporaneamente i cittadini avranno a disposizione strumenti per poter segnalare eventuali problematiche o per interagire attivamente con artisti e amministratori per sviluppare in forma sempre più virtuosa un modello Torino.

Nello specifico la mappatura quindi riguarda le seguenti zone: piazza Castello, via Roma da piazza Castello fino a via Gramsci, incluse piazza San Carlo e piazza CLN, via Garibaldi tra piazza Castello e via Bellezia, piazza Carignano, via Lagrange da piazza Carignano a piazza Lagrange, piazza Carlo Alberto, via Carlo Alberto da piazza Carlo Alberto a via Cavour. In queste zone sono state identificate 27 aree specifiche ognuna con un orario definito in cui le esibizioni potranno svolgersi.
In tutte le altre zone non comprese all’interno della mappatura le esibizioni sono autorizzate a svolgersi, purché si pratichi dalle 10 alle 22, per una durata massima di due ore.

Nella riunione di martedì scorso, oltre alla misure qui sintetizzate, la Giunta del capoluogo piemontese su proposta dell’assessore Marco Giusta, ha approvato l’adesione della Città alla Fnas, in qualità di socio sostenitore.

Torino dunque vuole essere “Città ospitale” verso le attività di strada; in esse, si coglie la capacità di creare aggregazione, di essere motore di rigenerazione urbana e di fornire un servizio culturale per ogni pubblico e per ogni ambito cittadino. Per questo si propone di estendere le attività artistiche anche al di fuori del centro cittadino. È di pochi mesi fa l’adesione alla Carta dei Comuni amici dell’arte di strada e al Codice etico dell’artista di strada, protocolli promossi da Fnas.

Con questi ultimi eventi si compie un ulteriore passo, attraverso l’adesione sperimentale del Comune alla rete “Arthecity”. La Federazione sarà quindi consulente della Città di Torino per la ricerca delle soluzioni più adatte nella gestione delle presenze e nell’interlocuzione con gli artisti. Fnas fornirà al Comune l’accesso alla piattaforma, in cui sarà creato un profilo dedicato a Torino, che conterrà la mappatura dei siti per le esibizioni, le relative disponibilità, e fornirà ai cittadini una serie di strumenti per interagire direttamente con amministrazione e artisti, per relative segnalazioni.

Nello specifico, l’elenco degli spazi adibiti a sede di esibizione artistica nella zona mappata sono indicati nell’apposita scheda. (Clicca qui per visualizzare) Gli orari per ogni singola area sono invece direttamente consultabili tramite web e app, cliccando sul segnaposto mappato, o dal documento allegato alla delibera. (Clicca qui per visualizzare)

In generale, non sarà possibile esibirsi a meno di 100 metri di distanza da ospedali, case di cura e riposo, scuole durante gli orari di svolgimento dell’attività didattica; a meno di 50 metri di distanza da luoghi di culto durante le funzioni liturgiche e in aree cimiteriali; biblioteche durante gli orari di apertura.

Per quanto riguarda il superamento dei limiti sonori imposti dal Regolamento per la tutela dall'inquinamento acustico (n.318), la delibera chiarisce che l’eventuale sequestro cautelare potrà avvenire soltanto dopo la terza violazione accertata nei confronti stesso artista nell’anno solare.

L’amministrazione formerà nei prossimi mesi un gruppo di lavoro interassessorile composto dai vari servizi amministrativi interessati, comprensiva di un rappresentante della circoscrizione interessata dal provvedimento, e dai rappresentanti delle associazioni degli artisti di strada e arti circensi. Questo gruppo di lavoro avrà il compito di monitorare periodicamente le attività e proporre alla Giunta Comunale le eventuali variazioni su modalità, luoghi ed orari delle esibizioni.

Gallery

Allegati:

Surf the network with Fedro App

Scarica la app su Apple Store Scarica la app su Google Play